Raccontare storie con Second Life

I mondi virtuali ci permettono di raccontare storie con un linguaggio diverso da quello che abbiamo imparato a scuola. Un linguaggio fatto NON di parole ma di immagini in movimento, suoni, voci. In altre parole, il linguaggio del cinema. Questo linguaggio a scuola non viene insegnato, per ovvi motivi: girare dei video è costoso, richiede attrezzature, richiede magari di uscire fisicamente dalla scuola. Ma non solo: il fatto è che la scuola quel linguaggio non lo ha mai trattato, relegandolo casomai a “disciplina”.
Eppure tutti ne siamo fruitori: tutti andiamo al cinema, tutti vediamo continuamente spot, videoclip etc. Tutti ne siamo “lettori”, ma siamo in pochi a saperlo “scrivere”.

Certo, da quando c’è YouTube è aumentato drasticamente il numero di persone che producono e diffondono video. Ma, a ben guardare, la gran parte dei video su YouTube si “limita” a registrare qualcosa nel momento in cui accade: lo spettatore/narratore, semplicemente, riprende ciò che gli si para davanti agli occhi.

Second Life (e i mondi virtuali in genere) ci offre un’ opportunità diversa: quella di raccontare una storia “nostra”, frutto della nostra mente. Senza però i costi che il linguaggio del cinema si porta dietro: in Second Life è relativamente facile allestire un set ed inscenare una storia per filmarla.

In questo modo diventa perlomeno pensabile poter introdurre questo linguaggio nella scuola, poterlo insegnare.

Ma, per poterlo insegnare, bisogna innanzitutto impararlo.
Da qui l’idea di avviare una sperimentazione con un gruppo di insegnanti FOR (formazione continua per docenti): raccontare delle storie in Second Life attraverso il linguaggio del cinema, per acquisirne gli strumenti ma anche i codici.

In attesa di poterne diffondere gli esiti, ecco un video girato in Second Life.
Si chiama “Better Life” e molti lo considerano la più bella storia girata ad oggi in Second Life.

YouTube è pieno di video come questi. Cercateli attreverso la parola “machinima” (vedi Wikipedia) (oppue “machinima second life” se volete restringere il campo a quelli girati in Second Life). Scoprirete una vera e propria galassia di storie girate da persone che finalmente adesso hanno un nuovo modo per raccontarle.